Eloah benedica chiunque legga questo post e possiate ricordarvi di queste parole quando tutto questo si avvererà.

Siamo negli ultimi tempi, tutto il mondo è in completa recessione economica ed altri eventi globali stanno per abbattersi sull'umanità tutta. Quanto state per leggere è a tutti gli effetti una reale previsione delle profezie scritte e ciò che questo semplice post rappresenta è un sincero messaggio per tutti quegli uomini e donne di buona volontà. Molto presto, si vivrà uno sconvolgimento economico/politico a livello globale, NESSUNO SARA' ESCLUSO, pertanto è bene iniziare a prepararsi per fronteggiare quanto stà per avvenire: organizzare scorte di viveri e beni di primaria necessità. E' bene prestare ascolto alle profezie (che fino ad oggi si sono avverate tutte) di quell'unico libro che è stato tradotto in più di 1800 lingue in tutta la storia del mondo, quel libro che va approfondito con sincerità e umiltà (e non secondo l'interpretazione delle classi clericali, che insegnano solo certi aspetti..stravolti..): LA VERITA' DI Eloah. Chi non crede vorrà continuare a intorpidirsi nel poco tempo che gli rimane nelle falsità, divulgate dal sistema globale al fine di ingannare quante più persone possibili. Per coloro i quali pensano che quanto è scritto non sia vero ma DICONO DI CREDERE IN Eloah, allora sappiano che SE MAI hanno avuto l'accortezza di leggere la sua Parola PER INTERO allora forse devono trovare l'umiltà di rivedere molte delle loro idee, mettendo da parte le convinzioni che gli sono state inculcate.

L'adorazione delle immagini o di uomini santificati dall'uomo insieme a tante altre FALSITA', NON SONO INSEGNATE DA NESSUNA PARTE NELLA PAROLA DI Eloah. Molti di quelli che si professano religiosi seguono una via che non è la via verso il VERO Eloah, ma verso una distorsione della verità universale che li porterà ad una situazione da cui non ci sarà ritorno.

Veniamo al dunque:

1 – Il crollo economico e sistemico globale fa parte della grande tribolazione.

2 – In seguito al crollo economico vi sarà una ripresa, una unione globale degli stati e conseguente moneta unica mondiale (elettronica), nuove energie, nuove scoperte tecnologiche/scientifiche/biologiche.

3 - A capo di questa fenomenale ripresa vi sarà un individuo o un gruppo di individui (istituzione), costui o costoro verranno proclamati dalla gente come veri e unici soli salvatori: come messia.

4 - Le religioni verranno eliminate: cattolicesimo, induismo, islamismo, buddhismo, taoismo,etc etc tutto verrà smontato e verrà rivelata una falsa verità riguardo l'origine e lo scopo dell'uomo nell'universo.

LA GRANDE TRIBOLAZIONE è iniziata da tempo (guerre, pestilenze, carestie, crisi economiche, genocidi). Quelli che credono di essere religiosi pensano di adorare Eloah, così come tutte le altre branche delle religioni che DICONO di seguire la Bibbia ma che in realtà professano un culto contenente usanze derivanti dall'antica BABILONIA (città antichissima che sorgeva nel luogo geografico che oggi corrisponde all'IRAQ). Babilonia era una città nella quale si professavano centinaia di culti pagani i quali hanno trasmesso moltissime pratiche all'attuale sistema di religioni mondiale (la croce, il prostrarsi a oriente, l'adorazione dei santi e della madonna, la reincarnazione, etc. etc.); tutti insegnamenti e riti che si attuano dovunque nel mondo ma che esistevano ben prima della fondazione delle chiese e di tutte le altre religioni oggi conosciute. E' scritto inoltre in Apocalisse che Babilonia verrà distrutta: Babilonia rappresenta l'impero mondiale delle false religioni. Nascerà un'unica religione mondiale che però non è il vero Regno di Eloah.

5 - Gli unici pazzi visionari (così verranno descritti dai media e dai giornali) ILLEGALI che continueranno a professare L'UNICA VERITA' saranno i VERI DISCEPOLI, coloro che seguono fedelmente gli insegnamenti del vero Eloah Onnipotente e che continueranno a farlo anche quando nascerà il Nuovo Ordine Mondiale.

6Per usufruire dei servizi e DI QUALSIASI COSA che serve si dovrà in un qualche modo accettare e dimostrare FEDELTA' a questo insieme di cose/istituzione che, con la scusa dell'Ordine, Pace e sicurezza priverà TOTALMENTE il singolo individuo di privacy e libero arbitrio, fino a controllarlo sia fisicamente che spiritualmente. Non basterebbero migliaia di pagine e di citazioni per spiegare e motivare quanto scritto sopra, la maggior parte di coloro che leggeranno questo post continueranno la loro vita come se niente fosse. La conoscenza della verità spesso fa male a quelli che infilano la testa nella sabbia per non sentire e non vedere ciò che li spaventa o DEMOLISCE LE LORO CONVINZIONI PERSONALI.
A tutti gli altri che sentono qualcosa nel cuore e che hanno avuto la costanza e la buona volontà di leggere fino a questo punto, consigliamo: studiate la Parola del vero Eloah degli universi infiniti e seguite gli insegnamenti di Yahushua Messia.

ONORATE ELOAH E LA SUA PAROLA DI VERITA' SEMPRE E COMUNQUE. NON CREDETE NELLE RELIGIONI DI ORIGINE UMANA PERCHE' SONO FALSE E COSI' E' SCRITTO. NON CREDETE A CHI SI PROFESSERA' O VERRA' ACCLAMATO COME IL SALVATORE, COME ELOAH O COME MESSIA. I PROSSIMI TEMPI SARANNO MOLTO DURI, DOVRETE COMUNQUE AIUTARE CHI NECESSITA DI AIUTO, NON CEDETE ALLE PRESSIONI CHE RICEVERETE QUANDO AFFERMERETE DI SEGUIRE SOLO E SOLTANTO Eloah Yahuveh, Yahushua il Messia e quanto loro insegnano nella loro parola.





La parola Trinità non si ritrova in nessuna parte dell'intera Bibbia!


Il battesimo nella formula para-trinitaria si ritrova solo in Matteo 28:19 ed è in dubbio la sua esatta traduzione che dovrebbe essere questa secondo gli scritti aramaici detenuti dalla chiesa d'oriente.

"Andate e fate miei discepoli persone di tutte le nazioni,
immergendole dentro il nome del Padre (Yahuveh),
dentro il nome del Figlio (Yahuhsua) e
nello Spirito Santo.."

INVECE

La Trinità è stata ufficialmente commissionata nel 325 d.c. nel Concilio di Nicea.

Questo Concilio fu indetto e presieduto dall'Imperatore romano pagano Costantino il Grande.

La Trinità ebbe la sua formulazione ufficiale nel 382 d.C. nel Concilio di Costantinopoli.

Da allora abbiamo la definizione formale di “Trinità” come l'unica vera dottrina cristiana (cattolica) universale. Che in poche parole dice: "Dio è un unico essere, ma sussiste eternamente in tre persone perfette, equivalenti e ugualmente eterne denominate Dio il Padre, Dio il Figlio e Dio lo Spirito Santo."

Queste tre persone sono distinte e separate ma formano un unione di tre divinità, perciò si tratta di una triade, o una “trinità”, accettata dalla maggior parte dei cristiani come la sacra trinità di Dio.

Questo è il risultato di vari scritti ad opera dei primi teologi – i cosiddetti “padri della Chiesa” - che hanno portato al Concilio di Nicea del 325 d.C. Essi sono anche detti “padri pre-nicei.

I principali autori furono Ignazio (35-110 d.C. Antiochia), Ireneo (130-200 d.C. Lyons), Clemente (150-215 d.C. Alessandria), Origene (185-245 d.C. Alessandria), Tertulliano (155-222 d.C. Cartagine)

Essi erano tutti studenti ed esegeti della filosofia pagana “greco-romana”. alla cui base era il concetto greco del “LOGOS DIVINO”.

La teoria del “logos” fu concepita dal filosofo greco Eraclito (circa 544-483 a.C.)

500 ANNI PRIMA DEL MESSIA!

La concezione del “logos” deriva dal riconoscimento, da parte di Eraclito, della forza invisibile che governa il cosmo, espressa attraverso l'oracolo del dio solare Apollo.

Il concetto di “logos” si riassume in questo modo: la forza creativa divina “ousia” ha creato tutte le cose attraverso la sua potenza.

Poi essa ha creato il “logos”, divino ed eterno, per governare e mantenere in equilibrio l'universo, per mezzo delle sue forze fisiche e metafisiche, come il tempo, la vita e la natura.

Nel suo contesto originale, il “logos” significava “ragione, razionalità”: il che implicava il suo ruolo di giudice o legislatore del cosmo.

Al fine di assicurare, ad esempio, che non ci sia così tanta vita da non permettere la morte, o al contrario che non ci sia così tanta morte da non permettere la vita.

Attraverso il “logos”, l' “ousia” ha creato tutte le cose, in modo tale che tutte le cose siano soggette alla sua legge ed al suo ordine.

Il “logos” di Eraclito divenne il principio fondamentale e la base di tutta la filosofia greca.

Perchè tutti i grandi filosofi greci da quel momento in poi ricevettero la loro saggezza mentre meditavano sul concetto del “logos” divino ed eterno.

Questi filosofi greci continuarono a sviluppare ed espandere il concetto del “logos”.

Essi furono: Socrate (allievo di Eraclito), Platone, poi i seguaci di Socrate, Zenone e la scuola degli stoici, e infine Aristotele.

Aristotele è colui che sviluppa l'idea del “logos” nella maniera più compiuta, ed in seguito tramanda il suo pensiero al suo allievo più famoso, il prototipo dell'Anticristo, definito un dio vivente da suo padre, il re Filippo II di Macedonia.

ALESSANDRO IL GRANDE



Questo dio vivente, guidato dalla filosofia greca e dagli insegnamenti del suo tutore e mentore, si dedica alla difesa ed alla diffusione della cultura greca, dando vita al periodo ellenistico.

Dovunque conquistava dei territori, egli fondava delle nuove città.. 70 in tutto.

Le città principali portavano il nome di “Alessandria”: la maggior parte di queste città erano università della cultura greca, e del concetto e della dottrina del “logos”.

La più famosa di queste città è Alessandria d'Egitto. Qui, Filone di Alessandria (20 a.C. - 50 d.C.), un ebreo appartenente alla comunità ebraica di Alessandria (la stessa comunità da cui abbiamo poi ricevuto la versione dei Settanta della Bibbia), unì il concetto greco del “logos” con la parola del Dio di Israele commettendo grave blasfemia, dichiarando che fu il “logos” che parlò a Mosè sul monte Horeb.

QUESTA E' UNA GRAVE BLASFEMIA (Isaia 42:8, Isaia 43:10, Isaia 44:6)

Questo fornì ai futuri teologi apologeti cristiani, i cosiddetti “padri della chiesa” difensori della rivelazione del solo ed unico Dio, la giustificazione per usare in pieno il concetto greco di “logos” sostituendo la Vera parola del vero Creatore con la teologia pagana greca.

E tutto questo è cominciato ad Alessandria d'Egitto!!!

Clemente, Origene, Ario.. costoro sono quelli che – leggendo solo il Nuovo Testamento, e basandosi su un'interpretazione distorta di Matteo 28:19 – essendo già immersi nel concetto pagano di “logos”, legittimarono la teologia greca al posto dell'unico vero Eloah rivelato ad Israele.

Essi escogitarono, concepirono e formularono la cosiddetta TRINITA', generando una immensa menzogna ... che pure avrebbe necessitato di 1700 anni per prendere forma compiuta, attraverso i vari Concili Ecumenici e l'opera dei vari teologi.

LA TRINITA' E' LA PRINCIPALE CAUSA DELL'ATEISMO

E uno dei motivi per cui gli Ebrei non accettarono Yahushua di Nazareth!

Questo va contro l'innegabile verità che Eloah è una sola persona ed essere, essendo separato e divero da Yahushua di Nazareth!

Un'opera magistrale di Satana!!!

Al contrario l'Eloah di Israele dice:  

 “Così parla YHVH, re d'Israele e suo Redentore, Eloha degli eserciti: 
'Io sono il primo e l'ultimo, e fuori di me non c'è Eloah'” 
(Isaia 44:6)




Al tempo degli Apostoli, all'interno delle prime comunità, nacque una controversia. I giudei convertiti al Messiah sostenevano che bisognava circoncidere coloro che non erano giudei e far loro osservare la Legge di Mosè (Galati 5:1-12), mentre gli Apostoli Paolo e Barnaba dicevano che ciò non era più necessario dopo il sacrificio di Yahushua (Atti 15).

Bisognava ancora osservare la Legge di Mosè oppure no?
 

L'ASSEMBLEA DI GERUSALEMME

La questione fu risolta a Gerusalemme dagli Apostoli e dagli anziani riuniti, grazie alla guida dello Spirito:

Atti 15:28-29 - “Infatti è parso bene allo Spirito Santo e a noi di non imporvi altro peso all'infuori di queste cose, che sono necessarie: di astenervi dalle carni sacrificate agli idoli, dal sangue, dagli animali soffocati, e dalla fornicazione; da queste cose farete bene a guardarvi. State sani»”.

Gli Apostoli comandarono di non caricare di altri pesi (Matteo 23:4) i membri della comunità, in virtù della libertà che viene da Yahushua.
 

TUTTI I CIBI SONO PURI (SPIRITUALMENTE)

Il Messiah disse:
Marco 7:14-23 - Poi, chiamata la folla a sé, diceva loro: «Ascoltatemi tutti e intendete: non c'è nulla fuori dell'uomo che entrando in lui possa contaminarlo; sono le cose che escono dall'uomo quelle che contaminano l'uomo. [Se uno ha orecchi per udire oda.]»
Quando lasciò la folla ed entrò in casa, i suoi discepoli gli chiesero di spiegare quella parabola. Egli disse loro: «Neanche voi siete capaci di comprendere? Non capite che tutto ciò che dal di fuori entra nell'uomo non lo può contaminare, perché non gli entra nel cuore ma nel ventre e se ne va nella latrina?» Così dicendo, dichiarava puri tutti i cibi. Diceva inoltre: «È quello che esce dall'uomo che contamina l'uomo; perché è dal di dentro, dal cuore degli uomini, che escono cattivi pensieri, fornicazioni, furti, omicidi, adultèri, cupidigie, malvagità, frode, lascivia, sguardo maligno, calunnia, superbia, stoltezza. Tutte queste cose cattive escono dal di dentro e contaminano l'uomo».
 
 
YAHUSHUA DICHIARO' LECITO MANGIARE TUTTI I CIBI
 
E, come detto nella assemblea di Gerusalemme, esclusi quelli contenenti sangue a causa di un processo di macellazione che non rimuove tutto il sangue all'interno dell'animale (anche definito animale “soffocato”, come il sanguinaccio o altri prodotti simili).


LA LIBERTA' NELLA VERITA' RIVELATA

Paolo ripetè più volte questi concetti nelle sue lettere:

Ebrei 9:10 - Perché si tratta solo di cibi, di bevande e di varie abluzioni, insomma, di regole carnali imposte fino al tempo di una loro riforma”.
Romani 14:5-6 - “Uno stima un giorno più di un altro; l'altro stima tutti i giorni uguali; sia ciascuno pienamente convinto nella propria mente. Chi ha riguardo al giorno, lo fa per il Signore; e chi mangia di tutto, lo fa per il Signore, poiché ringrazia Eloah; e chi non mangia di tutto fa così per il Signore, e ringrazia Eloah”.
1Timoteo 4:3-5 - “Essi vieteranno il matrimonio e ordineranno di astenersi da cibi che Eloah ha creati perché quelli che credono e hanno ben conosciuto la verità ne usino con rendimento di grazie. Infatti tutto quel che Eloah ha creato è buono; e nulla è da respingere, se usato con rendimento di grazie; perché è santificato dalla parola di Eloah e dalla preghiera”.


Ci ricorda anche che NON bisogna giudicare negativamente chi vive questa libertà con gioia:

Colossesi 2:16-17 - Nessuno dunque vi giudichi quanto al mangiare o al bere, o rispetto a feste, a noviluni, a sabati, che sono l'ombra di cose che dovevano avvenire”.


VIVERE NELLA LIBERTA' DEL MESSIAH
 


Con la grande preponderanza di ideologie religiose, alimentari ed igieniche della nostra epoca, veniamo ogni giorno sottoposti ad una continua propaganda che tenta di privarci di questa libertà:

Colossesi 2:20-23 - Se siete morti con il Messiah agli elementi del mondo, perché, come se viveste nel mondo, vi lasciate imporre dei precetti, quali: «Non toccare, non assaggiare, non maneggiare» (tutte cose destinate a scomparire con l'uso), secondo i comandamenti e le dottrine degli uomini? Quelle cose hanno, è vero, una parvenza di sapienza per quel tanto che è in esse di culto volontario, di umiltà e di austerità nel trattare il corpo, ma non hanno alcun valore; servono solo a soddisfare la carne”.


E' giusto preoccuparsi della qualità dei cibi, ma la società moderna si sta spingendo eccessivamente verso una falsa discriminazione di alcuni alimenti rispetto ad altri. Tutto ciò crea un atteggiamento farisaico nel verificare i contenuti di ogni prodotto, spingendo ad una continua ricerca di perfezione alimentare che, a livello industriale, NON esiste!

Quello che dobbiamo fare è ringraziare il Padre che ha provveduto del cibo (Luca 11:3) benedire ogni pasto e vivere questa libertà con purezza d'animo. Non pensiamo di essere giusti da noi stessi e di esserci provveduti con il nostro lavoro quel cibo, ma con umiltà ammettiamo che è solo grazie al Padre se abbiamo potuto provvedercene!
 
Non lasciamoci turbare da regole religiose frutto della tradizione degli uomini, ma viviamo una vita libera e gioiosa in Yahushua!
 
 
 
 
 



  1. Perchè quasi tutte le chiese insegnano che Yahushua rimase nella tomba un giorno e mezzo (dal pomeriggio del venerdì all'alba della domenica), quando è invece Biblicamente provabile che Yahushua resuscitò esattamente «tre giorni e tre notti» DOPO la sua morte come aveva promesso?
  2. Perchè quasi tutti considerano la Pasqua (Pesach) come una celebrazione della «resurrezione» del Messia, anzichè una commemorazione del Suo sommo «sacrificio espiatorio» dei nostri peccati?
  3. Perchè la maggior parte delle istituzioni religiose celebra la resurrezione del Messia nel giorno di «Domenica», quando è invece biblicamente provato che Yahushua fu resuscitato il «Sabato»?
  4. Sapevate che la tradizionale «Domenica di resurrezione» NON FU MAI FESTEGGIATA nè dai dodici apostoli originali nè dalla Chiesa del I° secolo, perchè in quella specifica domenica primaverile i pagani solevano RENDERE IL CULTO ALLA DEA "EASTER"?? (International Standard Bible Encyclopaedia, Vol. 2, 1982)
Nel 325 d.C., il Concilio di Nicea impose in tutto l'IMPERO CATTOLICO ROMANO l'osservanza di una "Pasqua Cristiana" da celebrarsi sempre in coincidenza della prima domenica dopo l'equinozio di primavera (21 marzo) PROPRIO NEL GIORNO DEDICATO A QUELLA DEA PAGANA! Poteva davvero il Messia essere contento di vedere che la Sua Commemorazione fosse stata trasformata in una tradizione umana che, tra l'altro, coltivava l'usanza di uova, colombe e conigli in segno della "fertilità" primaverile attribuita a quella dea pagana?

NON APPROVATI DAL PADRE ETERNO

Moltissime persone, (la maggioranza), seguono ancora queste pratiche e molte altre usanze abominevoli al Creatore e di origine idolatrica e demonica, come la benedizione del "fuoco nuovo", le "ceneri" e la "quaresima", partendo dal presupposto che esse rendano onore al Supremo Eloah dal momento che oggi le si fanno per il Messia. Ma, molti dovrebbero onestamente chiedersi, come Lui considera queste usanze e tradizioni idolatriche pagane?
La Sua Parola di verità ci dice: «Guardati bene dal cadere nel laccio delle tradizioni degli increduli.. Avrai invece cura di mettere in PRATICA TUTTE LE COSE CHE IO TI COMANDO; non vi aggiungerai nulla e non vi toglierai nulla.» (Deut. 12:30-33; Matt. 4:4)

La VERA Pasqua si celebra UNA SOLA VOLTA ALL'ANNO. Essa serve a "commemorare", anno dopo anno, il supremo sacrificio di Yahushua il Messia: Egli, pur non meritando la morte, offrì la Sua vita come riscatto per l'umanità caduta sotto il potere di una morte che altrimenti sarebbe stata eterna. Egli PAGO' IL PREZZO al posto nostro liberandoci così dall'inganno Satanico (Matt. 26:17; 26-28; Giov. 1:29). Così egli ha reso possibile la futura resurrezione dei morti (1 Cor. 15:22).

La maggior parte degli aderenti alle religioni Babiloniche della Cristianità deviata ha abbandonato la retta via e le vere festività comandate dal Padre Onnipotente Yahuveh, osservando al loro posto tutte le feste idolatriche, demoniche di origine pagana, travestite da pseudo-cristianità. Ha perduto la via che conduce alla vita eterna per seguire la via larga che porta alla morte, e con questa ha perduto anche la meravigliosa "comprensione" della Verità e del vero progetto del Creatore dei mondi per la salvezza del genere umano in tutti i tempi.

La data della Pasqua Ebraica è il 15 Nisan quando Eloah ha comandato di celebrare la Pasqua e di uscire dall'Egitto.  L'agnello veniva ucciso il 14 Nisan.   La VERA Pasqua, la commemorazione dell'ultima cena di Yahushua, si celebra dopo la tramonto del 13 Nisan cioè il 14 Nisan quando Yahushua fece la cena con i suoi discepoli prima di essere ucciso.

Una cosa dobbiamo ricordare che il giorno ebraico inizia dal tramonto e termina al tramonto (circa 18:00 per la media), non come noi, da mezzanotte a mezzanotte,  bisogna afferrare questo punto per calcolare la vera Pasqua. (In tale divisione non si aveva riguardo alla differenza di lunghezza dei giorni, così le ore variavano a seconda delle stagioni, oscillando fra 49 e 71 minuti). - Diz.Biblico -Claudiana.  
 
Un esempio ... sappiamo che, Pesach, Pasqua Ebraica 15 Nisan, cade il venerdì 6 aprile del 2012  Il 14 Nisan cade il giorno prima, cioè giovedì 5 aprile 2012. Dato che il giorno ebraico inizia alle 18 del giorno precedente, l'ora della celebrazione dell'ultima cena è il 5 dopo tramonto. 

Quì sotto un disegno che spiega molto bene il tutto (cliccate sulle immagini per ingrandirle):









«Allora dirà anche a quelli della sua sinistra: "Andate via da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato per il diavolo e per i suoi angeli! Perché ebbi fame e non mi deste da mangiare; ebbi sete e non mi deste da bere; fui straniero e non m'accoglieste; nudo e non mi vestiste; malato e in prigione, e non mi visitaste". Allora anche questi gli risponderanno, dicendo: "Signore, quando ti abbiamo visto aver fame, o sete, o essere straniero, o nudo, o ammalato, o in prigione, e non ti abbiamo assistito?" Allora risponderà loro: "In verità vi dico che in quanto non l'avete fatto a uno di questi minimi, 
non l'avete fatto neppure a me". 
Questi se ne andranno a punizione eterna; ma i giusti a vita eterna».

(Matteo 25:41-46)
















Sono anni che mi batto contro l'Evoluzionismo, e per necessità dialettica ho fatto quasi finta di credere che si trattasse di una Teoria Scientifica. In realtà all'Evoluzionismo manca una cosa per essere oggetto scientifico: una formulazione. Le definizioni di Evoluzione, che si trovano nei vocabolari letterari, sono esattamente quello di cui gli scienziati non vogliono sentir parlare. Il Devoto-Oli ha: "…passaggio lento e graduale degli organismi viventi da forme inferiori e rudimentali a forme sempre più complesse". Sbagliato, dichiarano gli scienziati di Harvard; l'evoluzione organica è una forma di adattamento locale che non implica alcuna forma di progresso. Poi ci ripensano e concludono che "adattamento" non significa nulla. Vuol dire "sopravvivenza", così che la migliore definizione dell'Evoluzione è la "sopravvivenza dei sopravvissuti". Se cercate nei glossari dei testi scientifici una definizione di Evoluzione potete trovarvi di fronte qualcosa del genere: "cambiamento di frequenze geniche in una popolazione". A buon diritto vi sentirete presi in giro, convinti come siete che l'evoluzione è qualcosa che dovrebbe consentire di passare da un batterio a una tigre, e non un'operazione statistica.

Ma allora che cos'è l'Evoluzionismo? E' l'ovvietà secondo cui, se le cose ci sono, e un tempo non c'erano, in qualche modo e a un certo punto devono pur essersi formate, e il modo più banale e inoffensivo è quello di essersi formate un po' per volta, gradatamente, passando dall'una all'altra. Questo vale per le nebulose, per gli organismi, per le lingue, per le culture, per gli strumenti musicali, per la tecnica, per tutto. Tale convinzione contiene l'ottimismo dell'ignorante, secondo cui all'inizio c'era l'amorfo e l'approssimato e poi è venuta l'opera raffinata; cioè l'idea che l'uomo sia nato dalla scimmia, un po' per volta, per adattamenti, per tentativi. Fatto di cui non esiste l'ombra d'una prova, e non esiste la facoltà di dubitare.

Ma veniamo alla inveterata abitudine verbale dell'evoluzionista ad usare locuzioni come "ancora non c'era", o "già c'era", o "in via di sviluppo", che presuppongono un fatale e progressivo svolgersi dell'essere verso il meglio, ancorché la teoria non lo preveda. Trasferendo alla nostra cultura la sua fede, l'evoluzionista si scandalizza che nel duemila "siamo ancora a questo punto".

Di fronte ad ogni problema, è sempre stato un buon precetto quello di non adottare la prima soluzione, quella a portata di mano, la più felice. Ebbene, proprio l'adozione dell'ovvio "è" la ricetta dell'evoluzionista. Non richiede alcuna conoscenza, cultura, acume, può essere sostenuta da un analfabeta che di Darwin sappia solo che aveva la barba. Egli è autorizzato a sorridere con sufficienza se uno scienziato dubita che l'uomo discenda dalla scimmia. E da dove sennò? L'idea del progresso automatico esime dal problema di come improvvisa e solitaria emerge la grandezza. Giorgio De Santiliana (Il Mulino di Amleto) accusò questo "soporifero" gradualismo di essere la tenda sotto la quale nascondiamo la nostra ignoranza della storia.

Forse la più grave responsabilità culturale dell'evoluzionismo è proprio la generale opacità che esso ha disteso sulla realtà. Esso ha adottato il malvezzo, che Darwin ha inaugurato e i suoi seguaci sviluppato, di introdurre le affermazioni con dubitativi. "Forse", "potrebbe anche essere", "non si può escludere", "si può suggerire", "sarebbe anche possibile", e così via di questo passo. 

Questo fraseggiare esonera dal portare prove, dal presentare argomenti. In questo modo la nostra povera immaginazione oscura tutto il meraviglioso, tutta l'imprevedibilità, tutta l'inaudita sfrontatezza con cui la natura compie le sue opere. Il mondo è andato come è andato, ma avrebbe potuto andare in qualunque altro modo, naturalmente anche senza di noi, senza la Terra e senza il mondo. Per questo, poco ci sorprende e poco ci interessa di come sia realmente andato. Il mondo degli evoluzionisti è un mondo in cui tutto cambia, senza che succeda mai nulla. In cui i problemi non si risolvono perché non ci sono, e questa è la soluzione di tutto. Un mondo virtuale.

Il duemila si apre con l'Ingegneria Genetica, che è una distruggitrice di misteri e di incanti molto superiore ai "potrebbe essere" dell'Evoluzione. Il Faust che costruisce l'uomo in provetta se la ride di come Iddio o la Natura si siano industriati a costruire Adamo.  

Un'autorevole rivista inglese (New Scientist) ha intestato il suo fascicolo "Evolution is dead" (l'Evoluzione è morta). E argomenta così: "che cosa può importarci più della decrepita Evoluzione quando le specie cambiano sotto le nostre mani in pochi giorni? Non abbiamo più bisogno di Dio, ma neppure della Natura, cioè di quella dea baschereccia, che abbiamo tenuto in carica in attesa di prendere il potere direttamente in pugno"? 

Ma l'Ingegneria Genetica funzionerà? Personalmente, ne dubito. I biologi stanno imparando ad usare i computer, e si prepara il trionfo di un altro tipo di ingegneria: la realtà Virtuale. L'evoluzione degli organismi virtuali è la biologia del futuro. Senza Dio, senza natura, senza Realtà.


 


di Giuseppe Sermonti - da Il Tempo, 10 gennaio 2000


 





L'anima di ogni vivente benedica il Tuo Nome, YAHUVEH, Iddio nostro. E lo spirito di ogni creatura magnifichi ed esalti la Tua memoria, o nostro Re, sempre. Dall'eternità e in eterno tu sei l'ELOAH degli Elohim, e all'infuori di Te non abbiamo re, né redentore, né salvatore, né liberatore, che ci salvi, ci nutra, e abbia pietà di noi in ogni momento d'angustia e bisogno. Non abbiamo nessun re all'infuori di Te, ELOAH dei tempi primordiali e dei tempi ultimi. ELOAH di ogni creatura, Signore dei Signori di tutte le generazioni, lodato con molte lodi, che conduce il Suo mondo con grazia e le Sue creature con misericordia. YAHUVEH non sonnecchia, né dorme; Egli sveglia i dormienti, desta i torpidi; fa parlare i sordi, libera i prigionieri, sostiene i cadenti, rialza i curvi.

«Te, e Te solo noi ringraziamo. Se le nostre bocche fossero piene di canto come il mare, e le nostre lingue di cantici come la moltitudine delle sue onde, e le nostre labbra di lode come le distese del firmamento; se i nostri occhi fossero lucenti come il sole e la luna e le nostre mani aperte come le ali delle aquile del cielo, e i nostri piedi veloci come quelli delle gazzelle - non saremmo sufficienti a lodarti, YAHUVEH ELOAH nostro, e a benedire il Tuo Nome per una sola delle miriadi e infinite volte che ci hai beneficati, noi e i nostri padri. Tu ci hai redento da questo moderno Egitto così come facesti con i nostri fratelli d'Israele, YAHUVEH ELOAH nostro, dalla casa di schiavitù ci hai liberato; nella fame ci hai nutrito, nell'abbondanza ci hai sostenuto; ci hai salvato dalla spada, ci hai scampato dai flagelli e da gravi malattie; hai dato sollievo a noi fiduciosi. 


Fino ad ora ci ha aiutato la Tua misericordia, nè ci ha abbandonato la Tua grazia. Non ci respingerai, Adonay Eloah nostro, in eterno! Perciò ogni membro che ci hai dato, lo spirito e la vita che hai spirato nelle nostre narici, e la lingua che hai posto nella nostra bocca, ecco: esse confesseranno e benediranno e loderanno e magnificheranno ed esalteranno e celebreranno il Tuo Nome, e proclameranno la Tua santità e la Tua regalità, o nostro RE al di sopra di tutti i RE nei cieli e sulla terra. 

Infatti ogni bocca Ti confesserà; ogni lingua griderà a Te, e ogni ginocchio si piegherà davanti a Te; ogni altezza si prostrerà al Tuo cospetto, e ogni cuore Ti temerà. L 'interno di ogni uomo canterà lodi al Tuo Nome, come sta scritto: 'Ogni osso dirà: YAHUVEH, chi è come Te?'. Tu salvi il povero da chi è più forte di lui e il povero e il misero da chi lo depreda. Chi Ti assomiglia o chi Ti pareggia, e chi può essere messo a confronto con Te, ELOHA' grande e forte, venerando, YAHUVEH eccelso, che hai creato il cielo e la terra? »

«Noi Ti lodiamo, Ti celebriamo, Ti magnifichiamo, benediciamo il Tuo Nome Santo, come è detto da David: 'Benedici, anima mia il YAHUVEH, e tutto quello che è dentro di me benedica il Nome Suo Santo'». 



Così desideriamo secondo la tua volontà. 


E così sia! 







Congregazione Discepoli di Yahuveh della Federazione Bereana Internazionale


 




Quando venite a presentarvi davanti a me, 
chi vi ha chiesto di contaminare i miei cortili? 
Smettete di portare offerte inutili; l'incenso io lo detesto; 
e quanto ai noviluni, ai sabati,  al convocare riunioni, 
io non posso sopportare l'iniquità unita all'assemblea solenne. 
L'anima mia odia i vostri noviluni e le vostre feste stabilite; 
mi sono un peso che sono stanco di portare. 
Quando stendete le mani, distolgo gli occhi da voi; 
anche quando moltiplicate le preghiere, IO NON VI ASCOLTO; 
le vostre mani sono piene di sangue.
Lavatevi, purificatevi, togliete davanti ai miei occhi 
la malvagità delle vostre azioni;
smettete di fare il male; imparate a fare il bene; cercate la giustizia,
rialzate l'oppresso, fate giustizia all'orfano, difendete la causa della vedova! 
Poi venite, e discutiamo», dice YAHUVEH; 
«anche se i vostri peccati fossero come scarlatto, diventeranno bianchi come la neve;
anche se fossero rossi come porpora, diventeranno come la lana. 
Se siete disposti a ubbidire, mangerete i frutti migliori del paese; 
ma se rifiutate e siete ribelli, sarete divorati dalla spada»;
poiché la bocca di YAHUVEH ha parlato.

Come mai la città fedele è diventata una prostituta?
Era piena di rettitudine, la giustizia vi abitava,
e ora è invece un covo di assassini! Il tuo argento si è cambiato in scorie,
il tuo vino è stato tagliato con acqua. I tuoi prìncipi sono ribelli e compagni di ladri;
tutti amano i regali e corrono dietro alle ricompense;
non fanno giustizia all'orfano, e la causa della vedova non giunge fino a loro. 
Perciò l'Adonay, YAHUVEH degli eserciti, il Potente d'Israele, dice:
«Guai! Io avrò soddisfazione dai miei avversari,
e mi vendicherò dei miei nemici! Ti rimetterò la mano addosso,
ti purificherò delle tue scorie, come fa la potassa,
e toglierò da te ogni particella di piombo. 
Ristabilirò i tuoi giudici com'erano anticamente,
e i tuoi consiglieri com'erano al principio.
Dopo questo, sarai chiamata la città della giustizia, la città fedele». 
Sion sarà salvata mediante il giudizio, e quelli che in lei si convertiranno 
saranno salvati mediante la giustizia; 
ma i ribelli e i peccatori andranno in rovina assieme,
e quelli che abbandonano YAHUVEH saranno distrutti.
Allora avrete vergogna dei terebinti che avete amati,
e arrossirete dei giardini che vi siete scelti. 
Infatti sarete come un terebinto dalle foglie appassite,
e come un giardino senz'acqua. L'uomo forte sarà come stoppa,
e l'opera sua come scintilla; entrambe bruceranno assieme,
e non vi sarà chi le spenga.

LA MAGGIORANZA DI VOI COSIDDETTI "CREDENTI" SIETE TRA QUESTI